Dovresti trattare i punti caldi del tuo cane con olio di cocco?

casella di controllo-fatto-veterinario

I punti caldi sono un disturbo relativamente comune che affligge molti cani. Ma, sebbene i punti caldi siano un problema di salute relativamente minore, possono rendere il tuo cane assolutamente infelice, quindi ti consigliamo di trattarli il più rapidamente possibile.

Esistono diversi modi per farlo e molti proprietari hanno iniziato a usare l'olio di cocco per trattare i punti caldi del loro cane.



Discuteremo i punti caldi e l'uso dell'olio di cocco per trattarli, nonché alcuni trattamenti alternativi per i punti caldi di seguito.





Cosa sono i punti caldi?

Il termine hot spot si riferisce a una condizione che i veterinari chiamano dermatite umida acuta .

Caldo, umido e rosso, i punti caldi sono solitamente circondato da an zona di caduta dei capelli , e possono trasudare pus o liquido limpido . A volte, appaiono croccanti e possono crescere molto rapidamente. Alcuni possono raggiungere 5 pollici di diametro nel corso di poche ore.



il miglior cibo per cani vecchi di piccola taglia

Ma non importa quanto siano grandi o piccoli, non sono divertenti per il tuo pavimento.

I punti caldi sono causati da una combinazione di fattori che non sono del tutto chiari . Essi spesso si verificano a seguito di qualche tipo di ferita , come un morso di pulce, che fa sì che il tuo cane inizi a mordere e leccare ossessivamente l'area . Questo trauma autoinflitto irrita la pelle e ne impedisce la guarigione.

Tuttavia, anche i batteri svolgono un ruolo importante nello sviluppo di punti caldi . I batteri possono essere limitati agli strati superficiali della pelle o possono penetrare in profondità negli strati della pelle e nei follicoli piliferi vicini. Un coinvolgimento batterico più profondo spesso causa la formazione di lesioni satellite e sono necessari trattamenti più aggressivi per trattare tali casi.



Regime di trattamento tradizionale

La prima cosa che devi fare quando noti che il tuo cane ha una macchia rossa pruriginosa è visitare il tuo veterinario.

Sebbene la maggior parte dei casi sia facile da trattare, a volte si rivelano resistenti e si ripresentano più e più volte. In entrambi i casi, sono molto angoscianti per il tuo cane e vorrai aiutarla a guarire il più rapidamente possibile.

Il tuo veterinario inizierà esaminando accuratamente l'area. Ciò può includere la rasatura dell'area circostante per mantenerla pulita e rivelare la presenza di eventuali lesioni satellitari.

I punti caldi sono generalmente facili da diagnosticare per i veterinari, ma può essere difficile determinare la causa sottostante del problema . I raschiati della pelle possono essere raccolti per testare la presenza di acari o altri parassiti.

Il trattamento dei punti caldi di solito comporta diversi passaggi . L'area deve essere prima pulita con antisettici delicati per aiutare ad asciugare la ferita, quindi vengono somministrati agenti antinfiammatori per aiutare ferma il tuo cane dal prurito . Si spera che questo impedisca al cane di leccare o mordere la ferita, il che gli consentirà di guarire.

Possono essere prescritti antibiotici (topici o sistemici) per aiutare a risolvere eventuali infezioni presenti (in particolare se i batteri presenti sono penetrati in profondità nei tessuti del cane). Infine, il tuo veterinario proverà a lavorare con te per determinare la causa originale della ferita , in modo da evitare recidive.

Il tuo veterinario può somministrare farmaci per la prevenzione delle pulci se si pensa che le piccole sanguisughe siano la causa. Potrebbe anche essere necessario dota il tuo cane di un collare elettronico per impedirle di accedere alla ferita.

Alcuni dei cose più comuni che consentono ai batteri di colonizzare la pelle del tuo cane e causare i punti caldi includono:

  • Allergia alle pulci
  • lesioni
  • parassiti
  • Allergie alimentari
  • Dermatite da contatto
  • Malattia del sacco anale
  • Le ripetute leccate di zone dolorose, come quelle causate dall'artrite
  • Leccare o mordere ripetutamente a causa di noia, stress o ansia
  • Punture o punture di insetti

Nota che i cani con pelo spesso o pelo lungo sono spesso più suscettibili ai punti caldi rispetto ad altri. I golden retriever, ad esempio, soffrono spesso di punti caldi, così come San Bernardo, Rottweiler, Labrador retriever e pastori tedeschi.

Gli antibiotici spesso richiedono tempo per funzionare

È importante capire che gli antibiotici prescritti per i punti caldi potrebbero dover essere somministrati per un po' di tempo per essere efficaci.

Non è raro che i corsi di antibiotici durino da due a quattro settimane in alcuni casi.

Trattare i punti caldi del tuo cane con olio di cocco

Alcuni proprietari di cani preferiscono trattare i punti caldi con soluzioni dal suono naturale , piuttosto che i tipici farmaci antinfiammatori e antibiotici prescritti dai veterinari.

Dovresti sempre consultare il tuo veterinario prima di scegliere di farlo, ma alcuni proprietari hanno riportato successo dopo i regimi di trattamento con olio di cocco.

I proprietari in genere trattano i punti caldi con olio di cocco spalmando un po' di crema sul punto caldo del loro cane. Di solito viene riapplicato se necessario e, quando funziona, le lesioni inizieranno a guarire entro pochi giorni.

L'olio di cocco (in basse quantità) non rappresenta un pericolo di ingestione , quindi non devi preoccuparti che il tuo cane lo lecchi: alcuni proprietari somministrano persino olio di cocco per via orale nel tentativo di aiutare a migliorare la funzione digestiva.

Parlando in generale, l'olio di cocco sembra sicuro e raramente causa effetti collaterali a parte l'irritazione gastrointestinale (anche se pancreatite è stato collegato al consumo di grandi quantità).

Tuttavia, ci sono alcuni problemi con l'uso dell'olio di cocco per trattare i punti caldi.

Mentre l'olio di cocco è pensato per aiutare a idratare la pelle di un cane (è anche usato da umani per scopi simili), ma alcuni veterinari contesta questa tesi .

Le strategie tradizionali di trattamento dei punti caldi cercano di asciugare la ferita, piuttosto che mantenerla umida . I punti caldi, per loro stessa natura, sono già umidi.

L'olio di cocco ha sostanze chimiche costituenti (acido laurico, in particolare) che hanno dimostrato di esibire alcune proprietà antibatteriche. L'acido laurico ha dimostrato, ad esempio, di uccidere Propionibacterium acnes (uno dei batteri responsabili dell'acne umana) in una provetta e Streptococcus mutans nei soggetti viventi.

Nonostante questo, olio di cocco non è l'agente ad ampio spettro che è spesso caratterizzato come .

C'è una grande differenza nel trattamento di ceppi batterici isolati e nel trattamento dell'ampia gamma di batteri presenti sulla pelle e sui punti caldi del tuo cane. La pelle del tuo cane (come la tua) ospita un serraglio di ceppi batterici, che formano un ecosistema complesso.

Uccidere una manciata di batteri può o non può essere utile nel trattamento della condizione . È possibile che tu uccida una delle specie batteriche che è in competizione con i batteri associati al punto caldo del tuo animale domestico. Questo potrebbe teoricamente peggiorare la condizione.

Di fatto, sono state condotte pochissime ricerche sull'uso dell'olio di cocco per gli animali domestici – la maggior parte di ciò che si pensa sia noto è stato estrapolato da ricerche effettuate sull'uomo .

tappi per le orecchie per cani

Uno studio dimostrato che il sapone all'olio di cocco era efficace rimedio casalingo per il trattamento della rogna , ma non ci sono ricerche cliniche che dimostrino che l'applicazione topica di olio di cocco abbia alcun beneficio significativo nel trattamento dei punti caldi .

L'asporto? Consulta il tuo veterinario prima di usare l'olio di cocco per trattare i punti caldi del tuo cane , ma non stupirti quando il tuo veterinario consiglia un regime tradizionale di antibiotici e farmaci antinfiammatori.

Olio di cocco per i punti caldi

Trattamenti alternativi per i punti caldi

Ci sono una varietà di altri trattamenti che alcuni proprietari usano per affrontare i punti caldi del loro animale domestico. Sebbene alcuni possano essere efficaci per il trattamento di casi molto lievi, non esiste alcuna ricerca per convalidare questi approcci.

Ancora una volta, è generalmente un'idea migliore visitare il veterinario e seguire il corso del trattamento raccomandato.

Alcuni dei più comuni strategie di trattamento alternative includere:

  • Posizionare una bustina di tè bagnata e raffreddata contro l'area interessata più volte al giorno.
  • L'applicazione di una varietà di erbe ed estratti vegetali. Ogni proponente sembra consigliarne di diversi e alcuni addirittura sostengono l'uso estratti potenzialmente dannosi , come quelli derivati ​​dall'edera velenosa.
  • Fai un bagno di farina d'avena al tuo cane.
  • Applicare uno sfregamento vaporizzante sulla zona.

Fai un bagno di farina d'avena al tuo cane probabilmente non causerà alcun problema, e nemmeno il trattamento con bustine di tè inzuppate, ma assicurati di usare cautela quando tenti strategie di trattamento non provate per evitare di visitare il tuo veterinario.

Prevenire i punti caldi sul tuo cane

Come per molte altre condizioni, il modo migliore per trattare i punti caldi è prevenire che si verifichino in primo luogo. E sebbene non sia possibile eliminare completamente la possibilità che si verifichino, puoi adottare diversi passaggi per ridurre la probabilità che si formino.

Alcuni dei passaggi più utili includere:

  • Mantieni pulito il tuo cane facendogli il bagno a intervalli regolari e appropriati.
  • Assicurati di asciugare accuratamente il tuo cane dopo aver nuotato o fatto il bagno, in particolare durante i mesi estivi caldi e umidi, quando i punti caldi sono più comuni.
  • Mantieni i capelli del tuo cane spazzolati e adeguatamente curati per evitare lo sviluppo di grovigli e stuoie, che possono intrappolare i batteri e irritare la pelle del tuo cane.
  • Usa un trattamento preventivo per pulci e zecche per mantenere il tuo cane libero da parassiti esterni.
  • Affronta prontamente eventuali condizioni dolorose di cui soffre il tuo cane.
  • Affronta prontamente qualsiasi condizione della pelle, come allergie o dermatiti da contatto.
  • Assicurati che il tuo cane sia sufficientemente stimolato e riceva abbastanza esercizio per prevenire comportamenti di leccamento indotti dalla noia o dallo stress.

Inoltre, è indispensabile per trattare i punti caldi il prima possibile per ridurre la quantità di irritazione che prova il tuo cane e per dare al tuo cucciolo le migliori possibilità di un rapido recupero.

***

Il tuo cane ha mai sofferto di punti caldi? Come hai fatto a trattarlo? È stato efficace come speravi? Ci piacerebbe conoscere le tue esperienze, compresi i metodi che hanno funzionato e quelli che non hanno funzionato, nella sezione commenti qui sotto!

Articoli Interessanti

+80 nomi di cani marroni

+80 nomi di cani marroni